Dialogica. atemporali connessioni contemporanee | a cura di Francesco Piazza

Galleria Regionale Palazzo Bellomo. Via Capodieci 14-16, Siracusa

Opening 14 ottobre 2017 - ore 17.00

Differenti per linguaggio, cifra stilistica, formazione e provenienza 14 artisti si interrogano sul rapporto tra la storia delle arti figurative e la loro modernità.
Questa mostra fonda la sua genesi sul quesito se l'aura dell'opera d'arte è destinata a perdersi come Benjamin profetizzava, o essa, in realtà, si modifica solamente nel divenire storico dell'opera d'arte?
Aver affidato agli artisti un tema specifico legato ad un'opera o ad un periodo, ha reso questo progetto un percorso di autoanalisi e ha permesso loro di avviare un processo di introspezione rivolto alla conoscenza degli aspetti più profondi dell'essere e la conseguente e necessaria riflessione sulla propria poetica e la personale visione dell'arte in un ipotetico transfer temporale che mette in luce l'estrema modernità di opere storicizzate arrivate fino a noi, mantendendo intatta la loro vivacità e attualità.
In quest'ottica il confronto con la storia è un'aspirazione ed è di ispirazione.
Questa esposizione si affianca a quella, permanente, del Museo Bellomo di Siracusa, che inizia dal medioevo passando per Antonello da Messina, il caravaggesco Minniti e Borremans, arrivando fino all'800. Un museo-gioiello per la sua autenticità e ricercatezza, ricco di capolavori che lo rendono un unicum nel panorama dei musei d'arte siciliani e italiani. Le 14 opere di Dialogica, disegnano un percorso alternativo che non ambisce al paragone o all'imitazione, bensì alla comprensione. Questa lettura sincronica densa di rimandi tra passato e presente, tra storia e contemporaneità, senza invasioni o prevaricazioni, declina l'esperienza contemporanea a partire dallo studio del passato, con la consapevolezza che sia possibile confrontarsi con opere di grande valore storico, artistico e documentale traendo spunto e rielaborando stilemi artistici in un rapporto/dialogo concreto, identitario e forte ma al contempo rispettoso e umile.
Gli artisti si raccontano a maestri indiscussi, in alcuni casi veri capisaldi della storia dell'arte, utilizzando nuovi linguaggi espressivi e sperimentazioni formali di forte impatto visivo ispirate al momento storico e sociale attuale, un recupero necessario del valore testimoniale dell'arte denso di quella concretezza, a volte linguisticamente eccessiva, propria delle tematiche legate al nostro tempo.

Francesco Piazza

Simone Geraci Dialogica

Works

recent1